UA-131488451-2

Corso sull'omeopatia: riassunto dei video a puntate

Specializzazione medica scoperta dal medico tedesco Friedrich Samuel Hahnemann nel XVIII secolo, l'omeopatia nacque come unicismo, poi con il passare dei secoli ed il proliferare di omeopati nacquero il pluralismo ed il complessismo, prevalentemente nel XX secolo entrambi.

Si dice ''unicista per vocazione, pluralista per necessità, complessista per disperazione''.

In realtà molte sono le scuole, ugualmente valide ai fini terapeutici, ma con risultati ben diversi.

Se il pluralismo ed il complessismo dell'omeopatia classica rispettano solo la lunga anamnesi -e poi e poi- non si può certo affermare che si avvalgano del principio del simile, dato che fanno un uso causa effetto delle cosidette medicine omeopatiche, si, uilizzate. Pensiamo all'uso più comune dei nosodi!

Spetta al solo unicismo la possibilità di curare interamente la persona, proprio come medicina olistica e alternativa, anche e soprattutto in un dialogo con la medicina integrata, di cui oggi si assiste al boom ai massimi livelli.

Se la globalizzazione ha portato nuove discipline olistiche che funzionano per determinati disturbi o malattie con nuovi posti di lavoro -molti- basti pensare alle farmacie e parafarmacie, cui aggiungo laboratori specializzati come la svizzera Dionisio o la italianissima Bromatech.

Che poi al singolo individuo non interessi niente di tutto questo e preferisca la medicina 'sottocasa' è una scelta che fa parte del libero arbitrio e la rispetto profondamente, pur combattendola civilmente.

Si è detto inoltre che l'omeopatia classica, cioè l'unicismo è una medicina ad personam, cioè non ci sarà mai la possibilità di avere protocolli standardizzati se si vuole applicare la legge del simile per come l'ha scoperta Hahnemann. Questo è un punto cruciale che viene ignorato, perchè non compreso dal grande pubblico.

Di fatto, la diffusione dell'unicismo comporterebbe una drastica riduzione della spesa sanitaria (non dei posti di lavoro che anzi aumenterebbero) pur rimanendo una sanità privata al 100% come è stato fino ad oggi.

Non accetto critiche sui costi dei rimedi o medicine omeopatiche che dir si voglia, nè su quello delle singole prestazioni.

E' una specialità alla portata di tutte le tasche, specie per medici chirurgici e veterinari che pur di praticarla e realizzarsi lavorano anche gratis, se il caso o l'emergenza lo richiede.

Invito i curiosi ad informarsi a navigare nella pagina facebook che porta la mia faccia o nel relativo sito web e nei molti link segnalati nei post.




11 visualizzazioni

©2020 BY SARA LEONCINI