UA-131488451-2

Il divorzio come causa di morte e non di malattia: parliamoci chiaro!

Tanti anni fa, da giovane medico mi fu detto da un famoso professore universitario emerito accademico che erano solo tre gli eventi più dolorosi per l'uomo: la colica renale, l'infarto, il parto.


Pausa di silenzio.


Non faccio nomi.


Nella mia modesta esperienza umana che ha provato sia la colica renale che l'infarto ma non il parto posso affermare che partorire nella mia gioia di padre è sicuramente una cosa eccezionalmente bella, ma non certo avere genitori divorziati, vedovi disperati, alcolizzati o drogati. Sfido chiunque non rientri in una di queste categorie.


Come provai a spiegare tempo fa in un articolo in era pre-covid, ove la nostra saggezza è andata persa per dare potere a gente ignorante a destra e a manca talmente giovane e qualunquista da conquistare il potere, persino quello temporale, i vizi e le droghe non sono malattie, ma lo possono diventare. C'è una bella differenza.


Poi perchè parlare di malattie a gente che non sa nemmeno di esistere? Gente che non vede, non sente nemmeno col sesto senso? Con impianti alle corte vacali pur di essere costretta ad emanciparsi?


Non è forse violenza allettare un giovane atleta superando i limiti di olimpo, lo schiavo, ricordo, lo schiavo da cui il nome olimpiadi? Ma cosa non è cambiato da allora????


Meissner non basta? Colby non insegna niente? E ancora Schumacher, Addis Abeba?


Che classe medica presuntuosa e ignorante ho conosciuto al nord e quanta umiltà e sapienza ho trovato al centro sud del mondo, oltre che d'Italia, lo stato dove abito.


Possibile che i moti rivoluzionari del 68 non abbiano cambiato niente? Dico vi siete mai chiesti cosa significa sacrificare il corpo come hanno fatto migliaia e migliaia di braccianti bambini e donne morte di sfruttamento minorile? Le sopravvissute, i superstiti con gravi alterazioni fisiche e mentali per contadini ladri, disonesti, che affermano gli è permesso di non pagare le tasse. E ancora le persone non vogliono studiare? Ma quanti senatori e parlamentari hanno almento un diploma magistrale? Credo davvero pochi.


E l'idolatria ci ricordiamo cosa ha portato? Schiavitu e guerra.


Ed io non speculo sulla ignoranza crassa della gente, da oriente ad occidente, come cittadina del mondo, che aborrisce confini ed identità posticce, cimeli del passato.


Davvero vogliamo tornare età del ferro dove è nata la pedofilia e dove comandavano solo minorati?

O si preferisce l'esoterismo occidentale fantascientifico?


Io sapevo che l'abito non bastava a fare il monaco e se questo mi fa colpevole, bene, la mia scelta l'ho fatta, la mia fede la professo e ho ancora il corraggio di non uccidere, ma di imparare dai miei errori.


Ma siamo scuri di farci correggere? Ma dedideriamo cambiare noi stessi anzichè gli altri?


La violenza genera altra violenza non opposizione. E questa in cui viviamo è ancora l'ennesima dittatura, basata su fake news e messaggi subliminali, tanto ognuno ha un albo che lo protegge e segreti da custodire.











1 visualizzazione0 commenti

©2020 BY SARA LEONCINI