UA-131488451-2

Il maschilismo come necessità e pregiudizio

L'era del femminismo e lo sviluppo tecnologico in cui viviamo stanno portando evidenti cambiamenti.

E non è facile per persone come me che hanno vissuto la giovinezza in una cultura molto contadina, anche in città, e si ritrovano a vivere la maturità in tale epoca di movimenti migratori, di cui magari faccio ancora parte. Tuttavia, è possibile supporre un bisogno di rinnovamento sociale che permetta al singolo individuo non già di sopravvivere, ma di integrarsi.

Pensiamo ad esempio a tutte le donne licenziate perché gravide, fragili perché pluriviolentate magari dal signore del paese o dal politico importante, risaputamente corrotto che però si è comprato città intere.

Non siamo forse colpevoli di questa logica assassina e maschilista, che genera mafia e violenza??? Chi non vorrebbe il meglio per i propri figli? Chi nascendo, se li trova già grandi che esempio può mai dare loro?


Allora non pensiamo di testa nostra se ci sono queste premesse, accettiamo un limite che ci pone la vita per ritornare meglio allo attacco!


Molte cose ci sembrano scontate mentre invece non lo sono. E la malattia nasce proprio in queste condizioni di estrema povertà interiore poiché sono talmente forti i nostri bisogni quotidiani che ci trascuriamo.


A presto!!!



13 visualizzazioni

©2020 BY SARA LEONCINI